Home
Biography
blog
Books
dylan
dylan tribute
Hb
Krundaals
literature
london
lyrics
Mr. Antondjango's Band
mp3
music
pics
politics
religion
School
Video

Mail Me!!!

 

 

OGGETTO: indirizzo teologico
TESTO: Gentili amici,
sono lettore fedele ed assiduo della vs rivista.
Dal 1983.
ho tutte le copie, tutte.
in bell'ordine, esposte nella mia libreria, in fila per mese e per anno.

Questa debita premessa per dire che quello che diro' e' per amore e non per
vis polemica, anche se dovesse sembrare un'excusatio non petita.
^_^

Vengo al dunque:
la nuova edizione di *dall'alba* mi ha subito poco convinto da un punto di
vista grafico.
Ok, bene la copertina piu' piccola; sono anche esigenze di spedizione, lo so.
Piu' agile la formattazione, e' vero.
Pero' alla fine non c'e' nulla di nuovo, solo il prolungamento (peraltro a
tema) della lettura quotidiana che, secondo me, adesso soffre molto dello
schiacciamento su n tema solo, appunto.
(particolarmente noioso, a mio modesto avviso, quello sull'educazione dei
figli).
Ed inoltre, la divisione quotidiana in 3 pagine e' scomoda e disordinata.

Ma questi sono dettagli.
Quello che invece mi piace veramente meno (e su cui volevo chiedervi lumi) e'
l'impostazione *teologica* (per cosi' dire) della rivista.
Laddove prima, specie nella sezione *medito* (ma anche nella lettura
*libera*, per cosi' dire) la vs rivista splendeva di luce moderna e di brezza
postconciliare, ora mi pare si sia un po' tornati alla tattica del bastone.
Per carita', nulla di male; spesso ci vuole ed un po' ne abbiam bsogno tutti.

Ma sarebbe piu' corretto, in caso ci fosse, dichiarare il cambio di rotta
teologica.
Certo, siam tutti figli di Dio, e sia Don Gallo che Papa Benedetto, sia i
teologi della Liberazione che i preti negazionisti saranno redenti dal sangue
dell'Agnello, lo so.
Pero' mi piacerebbe sapere se sto leggendo la *mia* rivista, quella di Elide
Siviero e di Charles Peguy, di Annalisa Tonelli e delle preghiere di altre
religioni o una nuova versione, piu' ortodossa e tradizionalista.
La leggerei lo stesso, per carita', ma vorrei saperlo.
E' cosi'?
C'e' stato un cambio di linea editoriale?
C'e' stato un cambio di linea dottrinale?

Grazie della risposta e scusate la mia insanabile prolissita'.


Giuseppe Gazerro
 

Gentile lettore,
la ringrazio della sua schiettezza.
Sarebbe così gentile di farmi qualche esempio di questa inversione di
indirizzo teologico?
Una seconda cosa. Se mi parla di Elide Siviero, di Charles Peguy, di suor
Emmanuelle, di Arturo Paoli... a me va bene. Di Gallo non troverà mai niente
in questa rivista, come non l'ha mai trovato. Schiettezza per schiettezza...
Attendo comunque qualche esemplificazione
grazie
dNicola Tonello

 

 

Grazie a lei della risposta, Don Nicola!
^_^
Non e' che io abbia delle esemplificazioni specifiche da proporre; in
realta' e' un *tono*, un suono di fondo, una tendenza, quella che
percepisco; molto piu' che un rferimento specifico a questo o a quel testo
che possono non essermi piaciuti.
E, devo dir la verita', nella sua risposta trovo proprio quella conferma
(spero che lei mi possa smentire) di quello che dico.
Provo ad elaborare il pensiero, poi lei mi dira' (ovviamente se vorra) se
sbaglio.
Perche' la sua riposta parte con una domanda?
Sa un po' di coda di paglia o e' un mio abbaglio?
Se la rivista non ha cambiato quell'indirizzo decisamente progressista che
aveva, perche' non dirmi subito *no, non e' vero*?
Perche' rigirarmi la domanda con un *puo' farmi qualche esempio*?
E' curiosita' vera o (come suona a me) e' un po' una specie di *da dove se
ne e' accorto*?
:-)))
Metto un sorriso *virtuale* perche' porgo la domanda con un vero sorriso
sulle labbra; ma in realta' non ho veramente capito se la sintesi della sua
risposta implichi un *si', e' vero; ma da dove si vede?* oppure *no, non e'
vero; da cosa lo deduce*.
(mi scusi se sono un po' contorto)
Seconda cosa; perche' questa distinzione tra gli autori che amo e che cita
distanziandoli pero' da Don Gallo?
Perche' lo cita senza nemmeno attriburigli lo stato di Don?
Lei pensa che Don Gallo sia troppo estremista?
O che addirittura sia in errore?
(ecco, questa domanda potrebbe essere forse la chiave di tutta la mia
domanda).
O, per essere ancora piu' precisi:
Lei crede nel primato della coscienza?
Crede che Dio sia piu' forte dell'inferno? (Anthony Bloom)
Crede che l'inferno esiste ma sia vuoto perche' Dio non puo' che vincere,
alla fine dei tempi? (e' la mia posizione, per essere chiari)
Ecco, forse dicendo che non avevo esempi da fare mi sono venuti lo stesso
:-))).
Diciamo che la *mia* rivista e' quella che crede che Dio sia piu' forte
dell'inferno.
Questa ( e la sua risposta piccata su Don Gallo mi acuisce il sospetto) mi
sembra piu' la rivista di chi crede che Dio sia giudice implacabile anche a
costo di non riuscire ad *attirare tutti a se'*
Ultimo ma non ultimo:
se facessimo il gioco della torre, Don Nicola
(ormai sono sul confidenziale, mi perdonera' l'ardire....., ma cosi' magari
capisco meglio):
stiamo con Famiglia Cristiana o con Comunione e Liberazione?
:-)
Grazie ancora, Don Nicola, e' stato gentile a rispondermi.
Beppe
www.giuseppegazerro.com
www.youtube.com/GiuseppeGazerro

 

grazie Giuseppe!
per carità... non volevo dire tutte quelle cose! Mi spiace di averle mosso
tante perplessità.
Facciamo così: certissimamente quelli che leggono Famiglia Cristiana e
quelli del movimento di Comunione e Liberazione si troveranno in paradiso
assieme. Leggo tutti e due, perché mi sembra che un cristiano debba essere
aperto a tutto e a tutti.
Mi spiace di averle dato a pensare cose che non ho mai pensato e gliene
chiedo scusa.
Per il resto sono sempre a disposizione.
Un saluto cordiale e fraterno!
dNicola
Grazie a lei, don Nicola.
Per il fatto di avermi risposto, in primis.
Ma anche per la bellissima frase sul paradiso, che mi permettero' di
fregarle :-))) per metterla nel mio (pseudo)blog religioso.
^_^
E che mi permette di guardare con rinnovata fiducia al vostro lavoro.
Forse sono io che devo vedere piu' positivo.
Grazie ancora.
Beppe
www.giuseppegazerro.com
www.youtube.com/GiuseppeGazerro