Home
Biography
blog
Books
chords
discography
dylan
dylan tribute
foto
Hb
Krundaals
Links
literature
london
lyrics
chords
Mr. Antondjango's Band
mp3
music
pepe
Video
pics
politics
religion
School

Mail Me!!!

 

 

La teoria della luce e Dio

La teoria dell’esistenza E’ una prova dell’esistenza di Dio.

Le mie omelie domenicali con le spiegazioni pratico-scientifiche.

 

1.

09 Febbraio 2006

Il pezzo in cui si dice che *dal di fuori non entra niente, e’ dal di dentro che entra il male*

Teoria rivoluzionaria, post conciliare, che esalta il primato della coscienza e lo psicologismo.

Ecco, questo e’ un pezzo che si e’ dimostrato vero, scientificamente, col tempo.

Io ho sempre creduto in un Dio dimostrabile, un Dio scientifico, insomma.

Che non solo non cozza con la scienza ma che di scienza si nutre perche’ E’ scienza.

E conoscenza.

 

2

13 Febbraio 2006

*Non sara’ dato alcun segno*

Un altro pezzo *scientifico*.

I miracoli, le guarigioni e le cose per cui diamo adito di attaccare il Cristianesimo debellati con una frase.

E i segni ci sono lo stesso, secondo me.

Ma non dove vogliamo noi.

E noi non li possiamo guidare.

Come le presenze extrasensoriali, gli anglei, gli Ufo e gli X-Files.

Li possiamo chiedere con la preghiera perche’ si crea un’ energia.

La Comunione e’ la massima espressione di energia.

3.

16 Febbraio 2006

*Se giudicate da chi porta un anello d’oro, non siete forse giudici perversi?*

Questo pezzo deborda addirittura dallo *scientifico* per entrare nella sociopedagogia e nella politica.

Passo incredibile, in cui non solo si intravedono i prodromi di quello che sara’ il dibattito sul bene e il male nella gestione della cosa pubblica a partire solo dalla Rivoluzione Industriale, ma che ingloba anche il dibattito piu’ recente sull’impossibilita’ di aver un comunismo reale ma anche sull’impossibilita’ (certo, solo teorica) di avere un comunismo *ingiusto*

Certo, che il cristianesimo sia una forma di comunismo (in un certo senso addirittura la piu’ estremsista, re: la lavanda dei piedi) e’ noto, ma questa commistione di lezione in cui la politica (tutti uguali / difesa dei ceti meno abbienti) si abbina alla psicologia ( esteriorita’ = ingiustizia) ed alla morale (giudizio parziale = ipocrisia) non ha riscontri neppure nei codici morali, figuriamoci in quelli antichi, si pensi allo schiavismo, al suffragio universale ed alle leggi razziali.

 

 

25 Febbraio 2006

*Credo, aiutami nella mia incredulita’*

26 Febbraio 2006

*Amare il mondo e’ odiare Dio*

Ed il fanatismo religioso nasce da qui, dunque?

No, il contrario.

Perche’ qui non parla chi poi predica di odiare il mondo, per cui qui il mondo e’, come nell’altrettanto famoso brano della Geenna, tutto cio che e’ scandalo.

Ma e’, ancora, segno di liberta’ estrema.

Liberati da cio’ che ti ostacola per i tuoi balzi verso l’assoluto, cioe’ *Ama e fa’ cio’ che vuoi*

Siamo liberi, vuol dire.

01 Marzo 2006
*Noi siamo come Dio ci vede*

San Francesco, non canone biblico.

Ma tesi estremamente moderna anche questa; noi siamo come siamo e non come appariamo.

L’essere o avere di Frmm mille anni prima, il *what’s in a name* di Shakespeare trecento anni in anticipo.

Al mare il casato e il nome, se noi fossimo assegnati ad un altro nome, saremmo sempre lo stesso per la realta’ *effettuale*, cioe’ per *le cose che sono*, cioe’ per il Verbo, cioe’ per Dio.

 

03 Marzo 2006

*Non e’ piuttosto questo il digiuno che voglio?*

Rivoluzione totale, i no global contro le istituzioni parruccone.

Niente e’ rivoluzionario come il messaggio di Cristo, a confronto no global ed il Che sono liberali arrivisti ed arruffoni.

11 Marzo 2006

*Lascia il tuo dono davanti all’altare*
Fratellanza totale.

Dov’e’ il Dio che potrebbe non stare con il pacifismo piu’ radicale, anche quello a volte intollerabile del *senza se e senza ma*?

Dov’e’ il *dio con noi* che giustificherebbe una guerra qualsiasi, che potrebbe anche solo accettare idee quali *guerre giuste* o *guerre intelligenti*?

Per non parlare di crociate o di guerre sante.

Un Dio per la pace e’ per la pace sempre…..

12 Marzo 2006
*Amate i vostri nemici*

…persino di fronte all’ingiustizia, tanto da far quasi sospettare di connivenza col male, di accettazione supina del sopruso.

Ma per pensare alla perfezione, bisogna eliminare tutto; iniziare dal *questa violenza puo’ essere giusta perche’….* innesca un meccanismo pericoloso, dice la Scrittura.

Voi amate anche i vostri nemici.

So che non ce la faro’.

So addirittura che non vorro’ farlo.

Ma so anche che dovrei farlo.

L’unica arma contro la violenza e’ la non-violenza piu’ radicale, quella di Gandhi e, appunto, di Cristo.

Nessun movimento di destra sara’ mai autorizzato a far sua una Scrittura Sacra.

21 Marzo 2006

*Chi vuol essere primo tra di voi si fara’ vostro schiavo*

Un’altra pagina di modernita’ spaventosa, che scuote dalla radici tutta la letteratura contemporanea alla Bibbia, ma anche la filosofia stessa del tempo.

Non conta la saggezza, come nelle fiolosfie orientali o l’ascetismo, come han creduto le interpretazioni farisaiche di questo passo.

Ancora una volta siamo di fronte a rivoluzione pura, affermazione di liberta’ totale e non populistica.

E’ proprio vero, come e’ stato spesso commentato, che *la legge del paradosso e’ uno dei fondamenti del messaggio biblico*

La cosa sorprendente e’ che la sperimentazione di tali messaggi vedra’ luce ufficiale solo col modernismo dell’inizio di questo secolo.

26 Marzo 2006

*Ama e fa’ quello che vuoi*

Ama e la legge non ti bastera’ piu’, sia nel senso che sara’ troppa, ma anche nel senso che sara’ poca, certo.

Ma, piu’ che altro, nel senso che bisognera’ andare *oltre*, perche’ e’ la legge per l’uomo e non l’uomo per la legge.

Gli alibi cascano uno dopo l’altro, per i violenti ed i guerrafondai, per gli ipocriti e gli oscurantisti.

 

14 Aprile 2006
*Diritti di stola, doveri di grembiule*

Non e’ una frase tratta dalle Sacre Scritture, e’ una frase detta da Tonino Bello.

Indica la indiscutibile parentela del Cristianesimo con la difesa dei piu’ umili e la inimicizia (politica) con chi difende le classi borghesi.

In questi giorni che ci avvicinano al trionfo della Pasqua, mi sono chiesto come mai i nostri politici, dopo aver una campagna elettorale all’insegna del carpire voti inneggiando alla famiglia, ora non riescano a trovare un minuto da dedicare al silenzio ed alla preghiera.

Forse perche’ preferiscono i *diritti di stola* ai *doveri di grembiule*?


24 Aprile 2006
*Scendi dalla croce e ti crederemo*

No, resta sulla croce e ti crederemo, invece.

Perche’ dalla croce viene dalla vita e dalla sofferenza viene la soluzione; dal caos la vita e l’universo va verso il disordine.

Quando qualcuno soffre, non chiederti perche’ Dio lo consente; Dio non e’ quello che *scende* dalla croce, e’ quello che *resta* in croce, non e’ quello che *fa* soffrire, e’ quello che soffre.

E per il perche’ sia cosi’, lo si creda agli uomini di scienza; e’ una verita’ biologica; la vita e’ nel disordine.

30 Aprile 2006

*Dalla vostra bocca non escano parole che non siano buone*

Aduno sguardo risondiamo con un sorriso,

07 Maggio 2006

*Per un cristiano non esiste al reciprocita’*

Don ??? a Che Tempo che Fa

A chi ti chiede di fare un miglio con lui, fanne due

 

*That's why we need to pray. We sometimes need to
ask God whether or not something we have in mind is in actuality part
of His plan.*
Pastor Marc, da RMD


03rd February 2007
Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sogni la tua filosofia.
....e di gran lunga, direi.
noi, al massimo, arriviamo a 10alla19°
Ho fatto proprio il conto, eh!

"There are more things in heaven and earth, Horatio, than are dreamt of in your philosophy." -- William Shakespeare (Hamlet)
....by far and large, I'd add.
I've got a rough count, too; we don't get any further than 10 to the 19th power.

 

19th July 2007

Signore Iddio, sorgente di ogni vita e Padre amoroso di ogni essere vivente, guarda con tenerezza anche me, un gatto, piccolissima Tua creatura.

Tu che conosci e comprendi ogni cosa, perché di ogni cosa sei origine e linfa, ascolta anche la mia vocina, perché tutto ciò che esiste ha il dovere e il diritto di rivolgersi a Te che l'hai chiamata all'essere e lo mantieni nell'essere per un motivo preciso, nella Tua provvidente bontà.

Io Ti ringrazio, a nome di tutta la specie che oggi Ti parla con il mio miagolìo di preghiera, di avermi creato e creato gatto, così come sono: morbido, allegro, elegante, seducente, dignitoso, infinitamente tenero con chi si prende cura di me.

Grazie, Signore, per aver creato tutto ciò che riscalda: il sole, alla luce del quale mi distendo a dormire appena si annuncia primavera; il fuoco del camino, accanto al quale mi piace indugiare quando l'inverno fuori è troppo rigido; le ginocchia della creatura umana che io amo e che mi ama, sulle quali mi acciambello in ogni stagione, perché quello è un calore che scalda anche il mio piccolo cuore, l'unico che mette in moto quel motorino di cui mi hai dotato e mi fa fare le fusa.

Tu mi hai posto accanto agli uomini per dare loro un motivo di gioia in più, ma non sempre l'uomo Ti capisce, Signore. Nella sua arroganza, troppo spesso crede di essere il padrone della natura e non comprende di esserne solo l'espressione più bella e perfetta e si crede in diritto di usare di noi - animali di tutte le specie, non solo gatti - secondo il suo capriccio, troppe volte con crudeltà.

Restituisci all'uomo, Signore, l'umiltà di riconoscersi creatura tra le creature, fratello maggiore e non tiranno, tutore e non padrone di tutto ciò che esiste sulla terra.

Fa' che usi della sua intelligenza, scintilla divina di cui lo hai reso partecipe, per imparare a comprendermi con buona volontà, superando i pregiudizi e i luoghi comuni a causa dei quali, di volta in volta, mi ha definito egoista, traditore, infido, capace di abbandono.

Signore, perdonami l'audacia, ma queste sono caratteristiche umane: essi si tradiscono e si abbandonano tra loro; tradiscono la nostra fiducia e ci abbandonano sulla strada non appena diveniamo d'impaccio ai loro programmi; molte volte tradiscono e abbandonano anche Te. E nella notte della Sua angoscia tradirono, rinnegarono e abbandonarono anche Tuo figlio, Gesù.

Ti ringrazio, Creatore fantasioso e geniale, dei mezzi espressivi di cui mi hai dotato per comunicare. La mia coda che si alza diritta quando corro incontro alla creatura umana che io amo e che mi ama è il punto esclamativo che le esprime la mia gioia per il suo ritorno. Il mio mantello setoso che ama le carezze e il mio piccolo corpo caldo che si accoccola accanto al suo sanno trasmettere il calore di una presenza, discreta ma importante quando si è troppo soli. E quando sulla strada della sua vita scenderà la sera del dolore, i miei occhi lucenti di un bagliore che vince l'oscurità della notte le permetteranno ancora di guardare lontano. I miei occhi che brillano nel buio sapranno dirle che nessuna notte è tanto oscura se la Tua bontà pone un gatto, anche solo un gatto accanto al suo cuore ferito ed insieme aspetteremo che sorga una nuova alba di luce.

Ti ringrazio, Signore, di avermi creato Tuo strumento per rallegrare la vita umana. E quando la mia piccola esistenza sarà compiuta, non permettere che io vada perduto nel nulla. Nel mistero della resurrezione di Cristo, primogenito di tutte le creature, fammi partecipe della Tua eternità.

E quando da una nuvola calda e dorata di sole udrai la vocetta di tutti i gatti del mondo dispiegarsi in un inno di amore e di lode, unirsi al coro maestoso di Serafini, Troni, Cherubini e Dominazioni, Ti prego, Signore, sorridi!

 

La mia vita e' per loro; i piccoli, gli ammalati, i poveri senza voce.
Io debbo vivere e morire per loro.
Annalisa Tonelli

Sunday 16th September 2007
Qualsiasi cosa succeda, state tranquilli;
Dio sa ed e' tutto, sicuramente, grazia.
Annalisa Tonelli

 

Eppure deve esserci il modo di fare divampare le nascoste energie d'amore che bruciano in noi.
Annalisa Tonelli

Si', certo, ci deve essere; l'ho sempre pensato anch'io.
Ma sara' qualcosa di chimico, non di etico, credo.
Perche' noi uomini, dal di dentro, siamo ben cattivi, non c'e' dubbio.
Una mucca data in pasto alle tigri diviene causa di un coro di ipocriti, falsi, grotteschi e divertiti *ohmygod* su YouTube, cara Annalisa.
Le nascoste energie d'amore che bruciano in noi ci saranno anche ma sono sicuramente in quel 90% di cervello che non usiamo.
Forse troveremo il modo di usarlo, non lo so, forse hai ragione
Io credo invece sia solo una delle tante cose di cui dovra' farsi carico Dio nell'ultimo giorno.

 

Quelli che sono morti, essendo stati vivi, non potranno mai piu' essere inerti.

L'ho letta sull'ultimo Rolling Stones, in un artcolo sulle tombe delle rockstar defunte; il fotografo giornalista che ha scritto l'articolo voleva solo..

e' la morte di Seneca e del suo *dopo la morte non c'e' nulla*

e' la terza parte di *cogito ergo sum* (Cartesio)
*non creo ego non sum Deus* (Gazerro)
*esisto, quindi esistero' sempre* (john)
 

E' vero, questa e' una prova vera, va ben oltre la mia teoria della velocita' della luce che prova l'esistenza di Dio; questo dimostra che in ogni caso l'esistenza, una volta rotta, non si puo' piu' perdere.

In effetti il nulla stesso, nella sua interezza, non puo' piu' essere essendo gia' stato *interrotto* dal *qualcosa*

Il nulla perfetto  quello che mi fa girare la testa, e' il nulla che avrebbe dovuto esserci in condizioni normali, cioe' senza Dio...

 Sunday 29th June 2008
La preghiera comunitaria ha una particolare efficacia
per ottenere le grazie.
Sant'Annibale di Francia

E=mC2
Albert Einstein

 

 

Zenone e la soluzione del paradosso della tartaruga.

 

Praticamente lo supera quando la sua prima molecola raggiunge la prima molecola della tartaruga.
Da quel momento, il momento dopo Achille e' davanti.
Perche' dove non c'e' materia non c'e' tempo.
Il tempo ha un tempo, non solo la velocita', quindi.


Se non mi chiedono cosa sia il tempo lo so; se me lo chiedono non lo so*
Sant'Agostino
*Il tempo e' la visione mobile dell'eternita'*
Platone

Il disordine del mondo e' frutto del peccato
Roger Etchegaroy

 

Ma Dio non e' forse piu' forte dell'inferno?
Anthony Bloom

Ho giurato *nella mia ira*; non entreranno nel mio riposo.
(Dio e' preda dell'ira?)
:)))

 

« Gli atei fanatici sono come schiavi che ancora sentono il peso delle catene dalle quali si sono liberati dopo una lunga lotta. Essi sono creature che - nel loro rancore contro le religioni tradizionali come 'oppio delle masse' - non posso sentire la musica delle sfere. »

The fanatical atheists are like slaves who are still feeling the weight of the chains which they have thrown off after a hard struggle. They are creatures who---in their grudge against traditional religion as the opium of the masses---cannot hear the music of the spheres.

Albert Einstein